Home / Cronache / Al terrore bisogna rispondere con il dialogo e la pace


telegram-gazzetta-val-dagri telegram-gazzetta-val-dagriOK
attentato

Al terrore bisogna rispondere con il dialogo e la pace

I segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil Angelo Summa, Nino Falotico e Carmine Vaccaro esprimo la più ferma e risoluta condanna per l’attacco terroristico che a Bruxelles ha causato la morte di persone innocenti “gettando nel panico la città e suscitando orrore e sgomento presso la comunità internazionale e nelle coscienze di tutti coloro che credono nella democrazia e nella civile convivenza. L’Europa – dicono – si trova nuovamente ad affrontare l’ennesimo atto di barbarie e ferocia inaudita, condotto contro persone e obiettivi che non hanno alcuna responsabilità per le guerre e i conflitti che si sono determinati nel mondo”.

Le organizzazioni sindacali esprimono pertanto piena solidarietà alle famiglie delle vittime e a tutti i cittadini europei che stanno vivendo momenti di angoscia e terrore. “Siamo sicuri – continuano -che ancora una volta l’Europa reagirà al tentativo di introdurre paura e tensione permanente nella vita quotidiana, un tentativo che va respinto non cedendo al ricatto della violenza e rispondendo con fermezza e determinazione attraverso il rispetto dei diritti universali e dei principi di libertà che sono alla base della democrazia. E’ necessario che sindacati, istituzioni e società civile continui a lavorare insieme affinché alla violenza e al terrore si risponda con il dialogo e la pace, unica strada possibile per raggiungere uno stabile e democratico equilibrio ed interrompere questa drammatica escalation di attentati alla libertà che provoca lutti, distruzione e l’emigrazione continua di tanti profughi e rifugiati alla ricerca di un futuro migliore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*