Home / Disclaimer
sagra-del-fagiolo-sarconi

La tua

Pubblicità

qui

disclaimer

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, è un sito libero e di promozione del Territorio della Val d’Agri. Viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7 Marzo 2001. L’Autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Molte delle foto e degli articoli presenti su questo blog sono stati reperiti in internet e sono di proprietà dei rispettivi autori. I link e i loghi inseriti in questo sito appartengono ai relativi proprietari. Chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d’autore può contattarci per chiederne la rimozione. info@sarconiweb.it

Umilmente e gratuitamente SarconiWeb offre il suo spazio web alle associazioni della Val d’Agri che intendano apparire sul world wide web.

Si rende noto ai Sig. lettori che le pubblicazioni sono reperite dalla rete e vengono pubblicate. Ogni singolo post di www.sarconiweb.it/gazzettavaldagri detiene a fine articolo il link “FONTE” cliccabile, qualora rilevaste anomalie nella pubblicazione quali diffamazioni o false notizie si prega di inserire un commento sul post specifico per richiederne la rimozione o altra causa, sempre se ciò che descritto non rappresenti la pura e semplice verità.
1) Questo blog non ha nessuna pretesa di essere una testata giornalistica, ma da come e concepibile intuire ”www.sarconiweb.it/gazzettavaldagri” vuole offrire agli utenti informazioni sulla Val d’Agri. Qualora gli stessi utenti non gradissero la loro pubblicazione o abbiano rilevato delle manomissioni ”cosa rara ” non faranno altro che rilasciare un commento presso lo stesso post, ed esso verrà nell’immediato rimosso, questo commento deve essere verificato con l’autenticità. Quindi inserendo email e sito di verifica, dopodiché il post sarà cancellato.
2) Altra cosa visto l’immancabile commento idiota al pari offensivo “verso l’utenza o verso l’autore stesso”, verrà data risposta, ma da oggi chi commenta e si procinta ad inserire dati falsi, minacce, sarà a seconda di ciò che esso “l’utente” abbia pubblicato: offese a terzi, mancanza di rispetto delle regole verranno inoltrati i dati presso la Polizia Postale, sappiate quindi regolarvi.
Ognuno e libero di esprimere il proprio pensiero ma deve saper anche rispettare il suo prossimo 😉
La parola “netiquette” deriva da “net”(rete) e “etiquette”(galateo) e indica l’insieme di regole dettate dal buon senso, dalla buona educazione e dall’intento di essere costruttivi anziché offensivi o distruttivi.
La netiquette comprende regole chiare da adottare in ogni contesto del web, come l’evitare i toni arroganti, il documentarsi e leggere le risposte date da altri prima di entrare in un contesto web, o evitare di essere talmente intolleranti da pretendere che gli altri la pensino esattamente come noi.
Altre regole si possono inferire cercando di immaginare una conversazione “reale”, ossia, chiediamoci come ci comporteremmo se si trattasse di parlare direttamente (ovvero non virtualmente) ai nostri interlocutori in rete. E’ ovvio che tutti noi vorremmo interlocutori cortesi e rispettosi, e dunque tali dobbiamo essere noi stessi.
Sembrano dettagli ovvi, ma ciò non è, dato che su Internet gironzolano individui che vorrebbero creare disturbo anche solo per divertimento, senza curarsi del danno e della perdita di tempo che possono causare. Per fortuna queste persone sono pochissime, tuttavia esse potrebbero creare disturbo se si consentisse loro di farlo.
Purtroppo queste persone intendono Internet come una sorta di “luogo spazzatura” o di “libera espressione estemporanea”.
Chi apre un blog lo fa spendendo il suo tempo e si impegna a svolgere un “lavoro” non retribuito. Credo che come minimo si abbia il diritto di scegliere le regole del proprio blog senza subire accuse, imposizioni o interferenze.
La libertà è soprattutto libertà di agire l’uno diversamente dall’altro, nel rispetto della legge e degli altri.
Alcuni lettori di forum o blog utilizzano Internet come un mezzo per sfogare rabbia e frustrazione, rafforzando lo stereotipo del cyberspazio come spazio “libero”, in cui poter dire ciò che nella vita reale non si può dire. Ciò non corrisponde a maggiore libertà, ma svela una grande frustrazione prodotta dalla cultura di massa, che reprimendo il reale pensiero e la reale sensibilità degli individui, produce rabbia e desiderio di sfogo emotivo.
Internet incoraggia tale sfogo poiché può permettere di parlare senza avere nome e volto, è tale anonimato a produrre un senso di licenziosità senza limite.
Su alcuni blog o forum questa licenziosità viene permessa, come si volesse incoraggiare uno sfogo “innocuo” in quanto privo di pericoli per il sistema. Allo stesso tempo tale deroga alle normali “buone maniere” incoraggia a rendere Internet un luogo non costruttivo o non del tutto costruttivo, poiché chiunque potrà essere insultato e deriso, senza alcun rispetto per la persona. Il rispetto è la base su cui si può fondare un dialogo o un’interazione costruttiva, e dunque, venendo a mancare, viene spazzata via ogni possibilità di dialogo costruttivo.

Per qualsiasi chiarimento contattaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Conosci la nostra pagina Facebook?

Ci trovi delle informazioni aggiornate su tutto quello che succede in Val d’Agri.

Per un 2016 pieno di fortuna, amore e soldi lascia un Mi Piaci

Se non riesci il Widget della pagina Facebook Clicca Qui