Home / Petrolio in Val d'Agri / La Basilicata non è più la “Cenerentola d’Italia”, ma ora anche il Corriere si occupa di quel miliardo buttato


telegram-gazzetta-val-dagri telegram-gazzetta-val-dagriOK

Cattura

La Basilicata non è più la “Cenerentola d’Italia”, ma ora anche il Corriere si occupa di quel miliardo buttato

Non solo Matera e il suo capodanno. O la prima Regione ad aver dato vita al reddito minimo.

“La Basilicata non è più la Cenerentola d’Italia” ha detto Pittella nella sua conferenza stampa di inizio anno. Ma non essere più la Cenerentola, può anche voler dire avere maggiore attenzione da parte degli organi d’informazione nazionali pure per altro.

Soprattutto quando si hanno a disposizione centinaia di milioni di euro per via delle ricadute economiche che garantiscono le estrazioni petrolifere.

E così ieri il Corriere della Sera, in bella vista nella home page del sito internet, in un articolo dal titolo “Sparaneve, dvd, viaggi in Australia. Così la Basilicata sperpera le ricchezze dell’oro nero”, si è occupato di un qualcosa ben noto ai lucani, ma di certo non a buona parte degli italiani.

FONTE: LA NUOVA DEL SUD


sagra-del-fagiolo-sarconi

Leggi anche..

13220837_10209617807151854_3913401749172723147_n

Uniti per la Val d’Agri: “Nessuno tocchi l’ospedale”

Il Comitato “Uniti per la Val d’Agri”, coerentemente con la sua linea organizza la manifestazione ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Conosci la nostra pagina Facebook?

Ci trovi delle informazioni aggiornate su tutto quello che succede in Val d’Agri.

Per dirci grazie, se vuoi, lascia un Mi Piaci!!

Se non riesci il Widget della pagina Facebook Clicca Qui