Home / Primo Piano / Referendum trivelle: oggi a Villa d’Agri al via la campagna per il sì [FOTO]


telegram-gazzetta-val-dagri telegram-gazzetta-val-dagriOK
132536cf-a564-4cf6-9ee8-4f823fe9b545

Referendum trivelle: oggi a Villa d’Agri al via la campagna per il sì [FOTO]

Il 17 aprile si voterà sulle trivelle. Il referendum è stato voluto da 9 Regioni (Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Veneto) preoccupate per le conseguenze ambientali e per i contraccolpi sul turismo di un maggiore sfruttamento degli idrocarburi. Non propone un alt immediato né generalizzato. Chiede di cancellare la norma che consente alle società petrolifere di estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste italiane senza limiti di tempo. Come è accaduto per altri referendum, il quesito appare di portata limitata ma il significato della consultazione popolare è più ampio: in gioco ci sono il rapporto tra energia e territorio, il ruolo dei combustibili fossili, il futuro del referendum come strumento di democrazia.

La domanda che si troverà stampata sulle schede è “Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?” Dunque chi vuole – in prospettiva –  eliminare le trivelle dai mari italiani deve votare sì, chi vuole che le trivelle restino senza una scadenza deve votare no.

Il comitato nato per votare SI al prossimo referendum abrogativo sulle trivelle nei nostri mari, è presente con uno stand oggi in Piazza Zecchettin a Villa d’Agri, per raccogliere consensi, informare i cittadini e per ribadire con forza la contrarierà alle operazioni petrolifere nelle acqua italiane. La campagna di informazione proseguirà da oggi e fino al 17 aprile data ultima per fermare le trivelle in mare in tutti i Comuni della valle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*