lunedì , 23 ottobre 2017
Home 3 Altro 3 Dialetto
Dialetto

Dialetto

Il dialetto è una lingua dotata di un lessico spesse volte più rìcco di sfumature e di colori, di una serie di nomi precisi ed efficaci; una lingua in cui una larga sfera della vita soggettiva (a muori, dolori, passioni, sentimenti d’ogni genere) si può esprimere meglio che non nella lingua nazionale. Nel dialetto c’è un’anima, che ha avuto ed ha atteggiamenti suoi, vivaci ed originali; infine è ricco quanto ogni altra lingua e non manca della sua bella letteratura popolare e d’arte.

Il dialetto sarconese non è tra i più brutti ed ostrogotici della Lucania e spesso riesce piacevole e simpatico nonchè comprensibile per avere una certa affinità con l’idioma napoletano. E’ caratterizzato dalla pronuncia lunga e dalla frequente soppressione delle “ e – i” finali di parola, che se non sono accentate sono mute; in genere ogni vocale non conserva la vivacità di colore della lingua italiana.

Il bando in dialetto suona bann, gallina – gaddina; figlio – fìgliu; si regge – si resc; bottega – putea; piantare in dialetto suona chiantà; sono venuto – so vinutua ciràsa – ciliegio; a scinestra – ginestra; a osci – oggi; a crai – domani;piscrai – posdomani; a sartascina – padella; masculu – maschio; iuncu – giunco; a preta – pietra; a rota – ruota; per’ – piede; tras – entrare; arracquà – innaffiare ; a scola – scuola; alèrta – stare in piedi; attàn – padre ; panedda – pagnotta di pane; scippà – strappare con impeto; scherda – piccolo tacco di legno ; strambo – storto di cervello; i struòfful – pasta dolciata; tumpagno – fondo della botte, u zìmmaro – il caprone; zito – sposo ; grasta – coccio di vaso; pirnicocca– albicocca; strettula – vicolo stretto; fumier – letame; catarratto – botola; camastra – arnese di ferro appeso al focolare; 


Molti vocaboli dialettali sono scomparsi o stanno scomparendo dal linguaggio sarconese: ciò sarebbe dovuto se non erriamo al fatto che oggi, a differenza del passato. “impone e predomina la lingua nazionale, data l’enorme diffusione della stampa e dei mezzi audiovisivi ecc, . . . la quale lingua tenderebbe a livellare e a surclassare i dialetti vari .

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

*